Coronavirus, Pensiero critico

La superstizione ha causato l’epidemia di COVID-19?

di Vittorio Magnano

Da dove vengono le epidemie e le pandemie?

La conquista europea delle popolazioni indigene nel Nord e nel Sud America fu meno una funzione di forza militare superiore di quanto non fosse un caso di immunità più forte. La stragrande maggioranza delle morti tra i popoli nativi delle Americhe proveniva da germi portati dal colonialista. Gli europei avevano una storia molto più lunga e più ampia di vita tra gli animali domestici e, di conseguenza, avevano vissuto una lunga serie di epidemie e piaghe, sviluppando immunità lungo il cammino. Quando arrivarono nel Nuovo Mondo, gli europei trasportarono il vaiolo e il morbillo e queste malattie decimarono le popolazioni locali non protette.

Epidemie e pandemie in genere iniziano quando un agente patogeno si sposta da una specie all’altra. Una volta che diventano malattie umane trasmissibili, il loro raggio d’azione dipende dai movimenti e dai comportamenti umani. Animali umani e non umani entrano in contatto in tutto il mondo e, di conseguenza, possono insorgere gravi epidemie quasi ovunque. È impossibile conoscere l’origine del vaiolo perché esiste da almeno tremila anni, e sebbene si presuma che abbia avuto un inizio zoonotico (animale), molto tempo fa è diventato antroponotico, il che significa che gli umani possono trasmetterlo ad altri animali . Il vaiolo fu una malattia devastante nel corso della storia umana fino a quando non fu definitivamente sradicato nel ventesimo secolo dalla vaccinazione di massa.

L’Encephalitis lethargica, o “malattia del sonno”, è emersa contemporaneamente all’influenza spagnola. Una teoria ha suggerito che la condizione era causata dal virus dell’influenza, ma le prove non supportano questa conclusione. La causa dell’encefalite letargica rimane sconosciuta.

C’è un dibattito su come è iniziata l’influenza spagnola, ma un’analisi popolare indica che iniziò in un campo base britannico della prima guerra mondiale nella Francia settentrionale, dove anatre, oche e maiali vivi erano tenuti in stretta vicinanza delle truppe. È noto che l’HIV / AIDS si è trasferito da scimmie e scimpanzé nell’Africa occidentale e centrale. Si ritiene che l’epidemia di influenza asiatica del 1957-1958 sia derivata dalla combinazione di un virus dell’influenza umana H1N1 con un virus aviario H2N2 — probabilmente in un ospite umano ma probabilmente in un’altra specie (ad es. maiale) —risultato in un nuovo virus influenzale combinando aspetti di entrambi.

Oltre a queste, l’epidemia di SARS del 2002 è iniziata in Cina; l’epidemia di influenza suina del 2009 è stata rintracciata nelle fattorie del Messico centrale; l’epidemia di MERS-CoV del 2013 è iniziata in Arabia Saudita; e l’epidemia di Ebola 2014-2016 è emersa in Guinea.

Quindi, è chiaro che epidemie mortali possono venire e verranno da quasi ogni parte del mondo. Inoltre, la scelta di addomesticare gli animali come fonte di cibo ci ha esposto a ulteriori malattie zoonotiche. Se avessimo bisogno di un altro motivo per diventare vegetariani, o smettere di mangiare specie geneticamente simili agli umani, potrebbe essere quello di ridurre la nostra vulnerabilità alle malattie zoonotiche.

L’industria cinese degli animali selvatici


Se c’è una componente culturale allo scoppio a Wuhan, ci sono due ipotesi ragionevoli: (a) la convinzione, fondata sulla medicina tradizionale cinese, che alcuni alimenti e sottoprodotti di origine animale hanno poteri unici per influenzare la salute, producono virilità (in uomini) e la fertilità (nelle donne) e (b) la promozione di animali selvatici esotici come prodotti alimentari di lusso. Il forte richiamo degli animali selvatici, fondato su queste due tendenze culturali, potrebbe avere una connessione con l’attuale focolaio di SARS-CoV-2.

I rimedi di erbe sono stati usati per curare le malattie dall’inizio della storia umana, e ci sono molte forme tradizionali di medicina che si sono evolute nelle culture di tutto il mondo, tra cui Ayurveda in India e Kampo in Giappone. Inoltre, ci sono sistemi tradizionali in Africa, Russia e tra gli aborigeni dell’Australia.

I rimedi di erbe rimangono popolari come medicine alternative e sebbene la maggior parte abbia un valore non dimostrato, alcune delle medicine scientifiche che usiamo oggi – tipicamente in forme sintetiche – originariamente provenivano da piante ed erbe. È noto che l’aspirina è una forma sintetica di una sostanza derivata dalla corteccia del salice, che è stata utilizzata a scopi medicinali per millenni, e l’artemisinina, usata per curare la malaria, proviene da un rimedio a base di erbe cinese che ha anche usato da migliaia di anni . Tuttavia, la grande maggioranza delle medicine nella medicina tradizionale cinese non ha prove scientifiche.

Di particolare importanza per l’epidemia di coronavirus sono l’uso di sostanze derivate da animali selvatici nella medicina tradizionale cinese e la credenza popolare che gli animali selvatici e freschi abbiano benefici per la salute. Due delle sostanze animali che sono particolarmente importanti per la medicina tradizionale cinese sono l’osso di tigre e la bile d’orso, entrambe provenienti da specie in via di estinzione. Sebbene quasi ogni parte della tigre sia considerata in qualche modo salutare, l’osso di tigre è particolarmente popolare a causa delle affermazioni che ripristina l’energia vitale e protegge dalle malattie. L’osso di tigre è spesso mescolato con vino e venduto a un prezzo elevato.

Si pensa che la bile d’orso abbia una serie di benefici per la salute. Il principio attivo della bile di orso è l’acido ursodesossicolico, che si è dimostrato efficace nel trattamento delle malattie del fegato, ma una forma sintetica è disponibile da decenni. Tuttavia, in Cina, gli orsi vengono allevati allo scopo di produrre la bile e all’inizio di marzo 2020 – in modo un po’ sconcertante – la National Health Commission della Cina ha elencato la bile come uno dei numerosi trattamenti per COVID-19. Naturalmente, in questa fase iniziale, non ci sono trattamenti comprovati per COVID-19.


In Cina, esiste una vasta industria di allevamento di orsi ampiamente conosciuta per il suo trattamento crudele degli orsi neri asiatici. Gli orsi allevati per la loro bile vivono le loro vite in gabbie individuali che spesso non sono più grandi dei loro corpi e la bile viene estratta dalle loro cistifellea attraverso un foro aperto nei loro corpi o un catetere impiantato chirurgicamente. Attivisti della fauna selvatica in Cina hanno organizzato campagne per convincere le farmacie a pubblicizzare la loro opposizione alla vendita della bile d’orso. Sebbene l’allevamento di orsi sia illegale in Vietnam, la pratica non è scomparsa e l’allevamento di orsi rimane legale in Cina. Inoltre, nonostante sia protetto dalla legge, molti altri animali selvatici sono offerti come prelibatezze nei mercati e nei ristoranti. Si presume che abbiano vari benefici per la salute, nonostante la mancanza di prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *